Archive

Posts Tagged ‘think’

Switch to Archlinux

luglio 16, 2012 Commenti disabilitati

Sono passato ad archlinux.

per la documentazione e il wiki formidabile

Per la mentalità di voler fare tutto nella maniera più semplice possibile

Per la leggerezza del sistema 8 secondi per il boot

Per tornare ad essere davvero padrone della macchina e sapere cosa fa ogni singolo pezzo (boot, wireless, script, etc…)

la scelta è stata quella di lasciare tutte le pesantezze, kde, gnome, unity etc.. e di tornare ad usare fluxbox

La potenza di fluxbox non ha pari ed è configurabile e senza cazzate grafiche, il che la rende più rapida e customizzabile

🙂

seguiranno news.

Categorie:varie Tag:, , , ,

Teen vent

aprile 9, 2012 Commenti disabilitati

Cover illustration for Grip magazine addressing teen depression.Jim ascoltava musica rinchiuso nella sua stanza.
La madre sotto che urlava, come al solito, qualcosa..

I Pearl Jam lo guardavano dal poster attaccato con lo scotch ormai vecchio: Cosa devo farne della mia vita?

Che cazzo ci faccio ancora qui, con i miei genitori, perchè non riesco ad andarmene ?

Perchè non riesco a trovare una donna che mi voglia bene o semplicemente una da sbattermi e divertirmi un po?
Perchè sono fatto così, che devo per forza innamorarmi io per fare qualcosa ? Affanculo io, affanculo loro…

La manopola del volume si blocca al massimo e non va , mentre Jim sente qualcosa tipo : “I can’t live with you anymore..”
E la sua unica consolazione e quella di avere un cervello rispetto a tutto il resto della massa.

Ma cosa te ne fai di un cervello quando poi non lo puoi usare ?
Me ne dovrei andare. Dovrei prendere proprio adesso e sparire.
Fare qualcosa di grande, lasciare una traccia di me su questo pianeta.

A che cazzo serve sopravvivere? Rimanere vivi per cosa? Ha senso avere una vita di tutti quei cazzo di anni se non hai mai visto dentro te stesso?

Se non capisci che cosa vuoi fare della tua vita, ha senso vivere: è vita quella ?

no, Jim.. no. Lascia stare
.. lo sai che questi discorsi non portano a nulla. Li vedi gli adulti no?
Alla fine tutti si adattano, si abituano e accettano piano piano quella che è la loro vita. Anche se sono laureati puliscono il culo pieno di merda ai vecchi negli ospedali.

E così farai anche tu. Perchè quello è il mercato , perchè se non sei figlio di un dottore non farai un cazzo e tu Jim hai due genitori sfigati pieni di debiti che pagano le tasse

dove vuoi andare?
dove cazzo vuoi andare ?

“.. Don’t wanna resist me, my planet resist me, I cannot resist me, my system default me.. “

Bisognerebbe cambiare il sistema, bisognerebbe fare una rivoluzione, bisognerebbe si…

… fammi cambiare canzoone.

Categorie:pensieri, varie Tag:, ,

La nave

agosto 14, 2010 Commenti disabilitati

2. Vedila come se fosse una nave

la nave viaggia tranquilla in mare con a bordo dei nuovi superstiti comprati con la cessione dell’azienda che non voleva più un CED interno.

La nave va avanti e prosegue il suo cammino con scelte forti e imprevedibili. A breve la nave ha intenzione di cambiare rotta e portare tutto il suo monitoraggio in un luogo chiamato PTS.

Queste scelte rendono dura la vita del nostro eroe che oltre ad essere precario continua a fare fatica non solo per imparare cose nuove, ma almeno per fare quello che già stava facendo. Ora il nostro eroe dovrà affrontare 15 dipendenti che tenteranno di duellare con lui per prendere la sua precaria postazione e renderla una nullità per poi sedersi loro al suo posto e comandare.

Cos’è che succede? Succede la guerra tra poveri.

Quando un azienda entra in possesso di una appena esternalizzata, prova in tutti i modi la forza dei suo giocatori. Prova a vedere chi è quello che vuole farsi bello, quello che vuole combattere e cerca di dividerli piano piano… anzi sono loro che fanno tutto da soli.

basta solo aspettare e vedrete che si scanneranno.. a meno che non ci sia qualcuno che fa notare questa cosa.

Che stanno facendo il loro gioco. Che intanto che tutti litigano il terzo gode.

Ma io sono solo un tecnico, faccio solo quello che mi viene detto, non sono pagato per pensare. Pensano a tutto i miei capi e io mi sento un marinaio sicuro in questa nave.

Sì, è vero. dare come nome alla nave Titanic2 è sembrata una scelta azzeccata, e poi quel blocco di ghiaccio che ora si sta avvicinando sempre di più non può che rendermi felice perchè so che chi tiene il timone è un vero professionista e saprà cavalcare l’onda e affrontare questa nuova avventura..

o forse no?

Categorie:pensieri Tag:,